SONO ARRIVATI I DISEGNI DELLA MOLE ANTONELLIANA DI GREENAWAY
20 dicembre 2001

Francesco Cassi, Federico Biasin, Raffaele Galignano e Luca Patrizi (graphic design), Luca Saini e Gloria Garcia (foto), Silvia Maglioni e Graeme Thomson (editing dei testi) coordinati da Domenico De Gaetano e Alessandro Amaducci stanno trasformando il capitolo ambientato a Torino della sceneggiatura di Peter Greenaway Le valigie di Tulse Luper in un libro d’artista. L’idea non è di fare un catalogo, ma di considerare ogni doppia pagina come una tavolozza su cui sistemare testo e immagini: i quadri di Greenaway, le fotografie della città e altri elementi grafici forniti dal regista, come gli “ephemera” (scontrini, lettere, fotografie e materiale privato appartenuto al protagonista Tulse Luper) e i 92 disegni della Mole Antonelliana realizzati da Greenaway.

Si tratta di piccoli schizzi, disegni o acquarelli fatti su scontrini, cartine topografiche, pagine di giornale, lettere e anche una bustina da tè che ritraggono l’edificio in cui il protagonista della storia abita durante il suo soggiorno a Torino. La Mole Antonelliana viene così raffigurata a forma di pagoda, vascello, chiesa, fontana, lampadina, altissima come un grattacielo o bassa e grassa. Una divertente variazione architettonica sul capolavoro di Antonelli.

I primi 62 disegni sono arrivati il 20 dicembre.

Copyright ©2014 Volumina
Call Now Button